vacanze in grecia logo cosafrearodi

 

Novità & Curiosita'

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8

Spazio Pubblicitario

spazio libero

Venerdì 2 Marzo all'Augusteo di Napoli abbiamo assistito al debutto di una bellissima commedia in due atti scritta da Lello Arena, Paolo Caiazzo e Francesco Velonà, vi vogliamo raccontare la nostra sensazione tra una foto e l'altra.

La commedia è molto frizzante e divertente con battute a raffica una dietro l'altra e con tanti doppi sensi mai volgari.Una commedia dal passo veloce che descrive la realtà dei protagonisti che vivono una vita di fallimenti ma con tanta ironia, dove il pubblico riesce a ridere anche in situazioni drammatiche.

Commedia in due atti, ma la scena è sempre la stessa. Le battute sono ben costruite non sono banali nè sentite e risentite anzi ci sono scene come la telefonata del call center che ancora oggi ci pensiamo e ci viene da ridere. 

E' la prima volta che vediamo Caiazzo dal vivo nelle vesti di attore e ci ha seriamente convinti, è davvero Bravo!. Siamo convinti che gli attori prima di fare cinema debbano passare per il palco del teatro, lìè la vera palestra per farci vivere e conoscere la loro bravura. 

La commedia narra la storia di Michele Giuffrida (Lello Arena), serial killer di nome "Funiculì Funiculà" in carcere dove sta scontando l'ergastolo, che riceve una visita inaspettata di un ammiratore e da quel momento una serie di sparizioni di personaggi famosi del mondo dello spettacolo desteranno  i sospetti sugli abitanti di una villetta in provincia, dove vive la famiglia Giuffrida.

La famiglia è composta da Gaetano (Paolo Caiazzo) il capofamiglia, tassista con la passione del teatro, soprattutto delle commedie di Eduardo Scarpetta, la moglie Stella ( Susy del Giudice) rappresentante di sex toys, Il padre Aristide (Salvatore Misticone) vecchio attore di teatro classico, il figlio Michele ( Nicolar Pavese) con l'ossessione dei serial killer, Oho (Maria Chiara Centorami), badante assunta da Gaetano per assistere il padre Aristide e il cognato     (Francesco Procopio) giornalista del Mattino che riceve una serie di messaggi in codice in redazione da parte del serial killer, che lo porteranno per una serie di equivoci a sospettare del nipote Michele troppo ossessionato dai serial killer. Tutto questo porterà  il pubblico ad assistere ad una commedia dai risvolti drammatici trasformati con grandissima bravura in comicità, sensa mai annoiarsi.

Vi Segnaliamo i numeri dati durante la commedia, giocateli e se vincete ricordatevi di noi: 53 29 44

Qui di seguito troverete qualche immagine dello spettacolo. Vi consigliamo di andare a vederlo per passare due ore di divertimento

[ LEGGI I DETTAGLI SU BIGLIETTI E DATE ]

Foto @ 2018 Giuseppe Ricciardiello Tutti i diritti Riservati, vietata riproduzione anche parziale

ozio_gallery_nano

 

 

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8

Seguici su Facebook